Elecraft ACCUSA IL COLPO! Si difenderà col K4!

Il nostro apparato...le ultime novità del mercato...l' apparecchio dei nostri sogni, vecchio o nuovo, valvole o transistor....impressioni "su strada" e recensioni.

Moderatori: Giovanni IZ5RMW - SK, 1PNP548

Elecraft ACCUSA IL COLPO! Si difenderà col K4!

Messaggiodi Filippo IZ5MJQ » 16/05/2019, 17:50

Uscito il 101 D della Yaesu, PRIMO ASSOLUTO per Sherwood....lo scompiglio!
Nessuno sembra aver bene capito...tutti sembrano storditi...insomma, stiamo viaggiando verso nuovi mondi inesplorati....con gli IBRIDI (ma non si parla di valvole stavolta....)
Tutto il resto di colpo appartiene al mondo dei "bidoni"...tutti surclassati dal 101!!!!!
Ieri abbiamo inventato gli sdr, sembravano la rivoluzione degli ultimi 50 anni....oggi sembrano invece già "vecchi" grazie a queste (che ad alcuni me compreso apparivano IMPROBABILI...) "fusioni" ibride....
Elecraft non vuole restare indietro e corre subito all' inseguimento scegliendo la tecnologia dell' SDR BAST@RDO, ovvero sdr abbinato col front end classico munible di filtri come visto sul 101 di Yaesu.
Questa ad oggi SEMBRA essere la tecnologia vincente rispetto all' SDR nudo e crudo, ovvero di razza pura.
I tecnici si sono inventati questa architettura MONSTER che sembra proiettare la radio verso prestazioni assolutamente ineguagliabili e inavvicinabili sia dagli sdr puri sia agli apparecchi a conversioni con dsp e filtri....l' unione di questi piu quelli hanno creato il bastardaccio chee alla Yaesu hanno saputo ben "domare" per primi!
In questo mondo multirazziale la radio si adegua e....VINCE (la radio vince sempre!).

Immagine

Questo poi recitano "quelli bravi"...
Elecraft K4 Transceiver
HIGH-PERFORMANCE DIRECT-SAMPLING SDR


• DIRECT SAMPLING + OPTIONAL SUPERHET (HDR) MODULE
Direct sampling allows for advanced filtering, NR, NB, noise nulling, etc.;
Optional HDR module provides the ultimate in dynamic range

• 160-6 M, ALL MODES, 100 W / 10 W; WIDEBAND DUAL RECEIVE
Main/sub receivers can be on same or different bands; single or dual panadapters

• MODULAR ARCHITECTURE
Add HDR module, future 15 watt VHF/UHF module, etc., as needed

• OPTIMIZED USER INTERFACE
Encoders for VFO A, VFO B, RIT/XIT offset; many user-programmable controls

• HIGH-PERFORMANCE TUNING AID
High resolution mini-pan, per-receiver, for accurate tuning & search

• NO-COMPROMISES CW
Silent PIN-diode T/R; fast QSK; many features for CW ops

• EXTENDED I/O
HDMI, Ethernet, analog/digital audio; ATU with 3 ant. jacks; up to 5 RX ant. sources

• VERSATILE SOFTWARE ENGINE
Powerful, fast-booting CPU accommodates future in-box software applications

• PORTABILITY
Light weight, low current drain – compatible with field operation


A direct-sampling SDR you’ll love to use

Our new K4 harnesses the latest in signal processing while retaining the best aspects of the K3S and P3. The resulting user interface makes the technology transparent, allowing you to focus on working the world.

160-6 meter, all-mode coverage & dual RX

The K4 includes dual receive over 100 kHz to 54 MHz. Since it utilizes direct sampling, there’s no need for crystal filters in the K4 or K4D (see Models, back page). For extreme-signal environments, we offer a dual superhet module (standard in the K4HD). An internal VHF/UHF module is also planned.

High-resolution mini-pan for each receiver

Our advanced fine-tuning aid, with its resampled bandwidth as narrow as +/- 1 kHz, is displayed separately from the main panadapter. You can turn it on by tapping either receiver’s S-meter or by tapping on a signal of interest.

Simple operation and setup

The K4 features a large, full-color touch display, combined with a rich set of real controls. Per-VFO transmit metering makes split mode completely foolproof. Band-stacking switches and per-receiver controls are both intuitive and versatile, adapting to operating context. Usage information on these and other features is just one tap away, thanks to our built-in help system.

Rich I/O complement

The rear panel includes all the RF, analog and digital I/O you’ll need to complete your station. All K-line accessories are supported, including amps, ATUs, and our K-Pod station controller. The HDMI video output supports an external display with its own user-specified format.
Full remote control from multiple devices
The K4 can be 100% remote controlled, via Ethernet, from a second K4 as well as a PC, notebook, or tablet. Panadapter data is included in all remote displays.

Modular hybrid architecture

The K4 adapts to your needs, with three models to choose from: basic K4 with wide-range dual receive; K4D, with diversity receive; and K4HD, with a dual superhet module for exceptional dynamic range. You can upgrade or add options as desired, or as new technology becomes available. This extensibility applies to software as well. The K4's powerful, fast-starting CPU provides unlimited expansion opportunities.

Insomma, questa sembra essere l' unica risposta immediata allo YAESU FTdx-101D, ovvero L' SDR BAST@RDO CHE LI AMMAZZA PROPRIO TUTTI!!!!
A me sembrava in principio una inutile complicazione....è evidente che in Yaesu in primis hanno saputo ben fare con questo strano "accoppiamento", complimenti e godetevi il primato (per adesso).
Come mi piacerebbe provarlo ragazzi! (73)
... 73 ...
Libero pensatore (e fors' anche radioamatore).
https://www.youtube.com/watch?v=F-8RItOZE30
Avatar utente
Filippo IZ5MJQ
Fondatore della ruota
 
Messaggi: 7126
Iscritto il: 22/10/2008, 14:04
Località: Lucca, JN53fu

Re: Elecraft ACCUSA IL COLPO! Si difenderà col K4!

Messaggiodi IK0TIX » 17/05/2019, 8:51

Filippo IZ5MJQ ha scritto:Uscito il 101 D della Yaesu, PRIMO ASSOLUTO per Sherwood....lo scompiglio!
...
Come mi piacerebbe provarlo ragazzi! (73)


mi associo
Max IK0TIX
Avatar utente
IK0TIX
Operatore interessato
 
Messaggi: 96
Iscritto il: 15/10/2018, 15:28

Re: Elecraft ACCUSA IL COLPO! Si difenderà col K4!

Messaggiodi nolby » 17/05/2019, 17:01

D'accordo sul fatto che l'SDR nel mondo della radio è una rivoluzione paragonabile solo a quella dell'invenzione del transistor.

Sono radioamatore da relativamente poco (8 anni mi sembra) e negli ultimi tempi pratico poco e soprattutto non dedico più neanche un minuto di tempo a curiosare tra novità e caratteristiche di apparati presenti e passati. Ma da quando sono radioamatore io credo di aver assistito alla nascita di almeno una decina di radio "rivoluzionarie" che rendevano vecchio e sorpassato qualsiasi altro apparato.

E' innegabile che stiamo assistendo ad una rivoluzione.... ma come tutte le grandi innovazioni, nate in laboratorio, diventano disponibili agli utenti un poco per volta... prima sui prodotti di punta, poi piano piano anche in quelli più economici ed è un passaggio lento che comporta naturalmente la nascita di prodotti che mischiano tecnologie nuove (iperperformanti ma anche sconosciute e magari meno affidabili) alle vecchie (arretrate ma collaudate ed il cui impiego è semplice e reso naturale da anni ed anni di conoscenza).
Tutto questo gridare alla rivoluzione per ogni nuovo prodotto uscito altro non è che una trovata commerciale, trucco vecchio e ben noto per attirare il più persone possibili a comprare l'ultimo modello che sarà a sua volta declassato a "vecchio bidone" tra poco tempo.
Insomma, ci siamo capiti, in scala ridotta con le dovute proporzioni di mercato non è tanto diverso da quello che è successo e succede da quando ci sono gli smartphone...

Eppure trovo piacevolmente facile e pulito l'ascolto anche dal vecchio IC 765 in sezione, che era un apparato di buon livello ma non il migliore del suo tempo e son sicuro che se lo andassi ad accendere potrei addirittura fare ancora qualche collegamento con il mio TS 50.... e questa riflessione apre le porte ad un'altra discussione - questa volta off-topic- : Non è raro trovarsi ad usare apparati vecchi di 40 anni o più, con colleghi OM che li impiegano dalla loro nascita in maniera intensiva e quasi quotidiana.
Queste nuove radio miracolose, tra 10-20-30-40 anni, sapranno ancora far fruttare le non indifferenti cifre spese per il loro acquisto?


Sono un felice possessore di KX3 che sta ingratamente prendendo polvere da troppo tempo... sicuramente sarà ricordata in futuro come una radio rivoluzionaria (non di certo l'unica). Prestazioni superlative, compattezza e leggerezza unica ed un grado di interfacciabilità a PC degno di una radio da base top level per un'apparato non solo trasportabile ma decisamente portatile...ma la cosa che più mi angosciava quando dovevo decidere se tirar fuori un mucchio di soldi per quella o molto meno della metà per un'817 era proprio questo... quella prestazione in più, che se anche manca di certo non ti impedisce di giocare con la radio dato che ci si è sempre divertiti anche prima che inventassero l'SDR che si paga parecchio e di cui non si conosce l'affidabilità nel tempo contro un'appartato non al top delle capacita moderne ma che di sicuro, se trattato decentemente, può durare più a lungo del suo proprietario.
Call: IZ2YWI
Avatar utente
nolby
Operatore Senior
 
Messaggi: 852
Iscritto il: 10/09/2012, 16:51

Re: Elecraft ACCUSA IL COLPO! Si difenderà col K4!

Messaggiodi Filippo IZ5MJQ » 19/05/2019, 9:06

Sicuramente nessuno credo possa permettersi di affermare che una radio, anche se vecchia di 40 anni, se permetteva di fare il collegamento prima adesso non lo permetta piu perchè non è vero!
La rivoluzione non stà nel fare il collegamento o meno, ma con quale mezzo lo si fa!
Il sistema, vecchio di qualche miliardo di anni era, fino a ieri, la supereterodina, che tramite un front end con i mixer e le conversioni permetteva la sintonizzazione e l' istallazione dei filtri per migliorare (o meglio creare) la selettività...siamo arrivati a 4 conversioni, su una media ci si metteva un filtro, sull' altra un altro, poi c' era il pbt e altro....insomma, era un sistema logico e funzionante....se chiaramente TUTTO andava bene, perchè oltre alla evidente complessità (e numero di componenti che con l' età INESORABILMENTE degradano!!!) c' era anche il discorso dell' errore, che se c' era pur piccolo ti portavi dietro e che si amplificava proprio per il discorso conversioni!
Un 4 conversoni in forma funziona EGREGIAMENTE, un 4 conversioni anche con un piccolo problemino diventa un fermacarte.
In primis in ambito MILITARE si cominciò a studiare l' alternativa, e come ben si sà poi la tecnologia diviene ad uso e consumo anche degli "altri", questo per dire che quello che è successo "dopo" i militari lo adoperano già da un bel po....comunque....ni restiamo in ambito radioamatoriale.
La semplificazione venne con l' avvento dei dsp, dove gran parte del lavoro veniva svolto appunto dal processore (o dai processori) di segnale digitale (segnale analogico che veniva convertito in digitale, processato e ritrasformato in analogico) che permette di avere appunto un processore dedicato che si occupa di stringere o allargare (insomma, che fa le veci dei filtri!), di avere un notch (automatico o manuale o entrambe, persino regolabile in larghezza!) e un riduttore di rumore (NR, con algoritmi piu o meno validi)....insomma, siamo partiti con processori audio, abbiamo continuato con processori a rf prima a 16bit a virgola fissa per arrivare ai 32 bit a virgola mobile che permettendo miliardi di calcoli al secondo, riescono a far "suonare" decisamente bene gli apparecchi!
Il canto del cigno del sistema si ebbe quando si riusci ad "accoppiare" il sistema a filtraggio analogico con un dsp evoluto, dove il lavoro appunto del processore veniva "aiutato" dai filtri sulla media frequenza (radio tipo Orion, K3 e altre).
Poi c' è stato l' avvento dell' sdr...che non vuol dire per forza radio MIGLIORE ma sicuramente vuol dire SEMPLIFICARE tutto l' hardware (ovvero la componentistica) declinando al software la grandissima parte del lavoro!
L' avvento di processori ad altissima velocità ha permesso questa evoluzione, ovvero far entrare il segnale direttamente "dentro ad un processore" (eliminando di fatto mixer, filtri, amplificator, modulatori e demodulatori, detectors ecc...) per poi essere successivamente elaborato e selezionato tramite un pc...è stata una evluzione importantissima perchè ha permesso di semplificare ulteriormente il sistema permettendo anche di avere degli analizzatori di spettro (che comunque avevano già fatto la loro comparsa in versione estremamente semplificata anche con l' analogico, basta ricordarsi del fantastico ICOM-781..) molto ampi in tempo reale e tutto quello che prima era da "smanettare" coi comandi della radio su semplici imput dati al pc.
Il vero limite di questa "roba" era che dovevi accendere un pc.... e la radio NON ERA PIU' UN APPARECCHIO SOLIDO E REALE SUL QUALE SMANETTARE, GIRARE MANOPOLE E SCHIACCIARE PULSANTI MA UNA MERA PERIFERICA DA COLLEGARSI AD UN PC; PREFERIBILMENTE POTENTE IN MODO DA ELABORARE TUTTO CON FLUIDITA'....il sistema del Perseus, per intenderci....che era un ricevitore, ma sono stati costruiti tutta una serie di rtx con tale sistema (i flex per intenderci, ma anche molti altri).
I radioamatori puri e duri MAI hanno digerito tale affronto fin quando non sono stati presentati apparecchi a loro familiari...insomma, è stata "ricreata" la classica interfaccia con l' operatore, la manopola del vfo, le manopoline da girare, i pulsanti da schiacciare....stavolta con un plus... la presenza preponderante di un display lcd a colori, touch screen come quello dei telefonini, che ti fa "vedere quello che ascolti" e anche di più, ovvero quello che potresti ascoltare piu in alto e piu in basso anche di tanti Khz, o addirittura su un' altra banda.....era nato l' sdr col pc "embedded", ovvero "stand alone", che non aveva bisogno di pc da accendere a parte perchè in effetti aveva (e ha tuttora) all' interno sistemi embedded che fanno credere all' operatore in definitiva di stare smanettando con una radio "classica" quando invece hanno per le mani un sdr con un mini pc dentro e un mini monitor touch integrato, con comandi piu meno tradizionali sul pannello che poi in definitiva funziona come se tu dessi lo stesso comando col pc....l' illusione quindi ha effetto immediato, si cominciano a costruire apparecchi identici a quelli che i radioamatori conoscono ormai da sempre che però sono totalmente diversi come tecnologia, costruzione, componentistica, architettura....resta simile l' aspetto.
Il primo di un certo successo....l' Expert MB-1, proposto ad un prezzo forse troppo alto.....quello più popolare...icom 7300...altro valido stand alone con 10W,è l' Elad FDM-Duo....ma ce ne sono una miriade, anche cinesi low cost!
Poi è arrivato questo 101 che per evtare i problemi di ovf (overflow... che portano ad una saturazione dell' ingresso del convertitore) e migliorare oltremodo la selettività ha reintrodotto in ingresso un abbozzo di front-end col mixer e i filtri da aggiungere.
Un sistema di sdr "meticcio" insomma, che finora ha permesso a Yaesu di collocarsi ai vertici della categoria, cosa che non è riuscita per esempio al 7610, sdr puro sul quale Icom, forte dell' esperienza col piccolo 7300, ha provato a introdurre un preselettore digitale prima dell' ingresso all' fgpa che però, di fatto, non sembra essere stato ben implementato.
O che comunque per adesso non sembra funzionare cosi bene come credevano.
Quindi per fare collocare il nostro sdr ai vertici della categoria sembra proprio che per adesso NON SI POSSA FARE A MENO DEL FILTRAGGIO TRADIZIONALE....un po come se in passato si voleva fare una radio full dsp senza filtri!
L' sdr è una semplificazione, e generalmente se si semplifica c'è meno roba che si scassa e meno roba che deteriorandosi porta ad un progressivo decadimento del sistema.
Yaesu per far suonare l' sdr in maniera da avere una grandissima selettività non ha potuto fare a meno di "restringere" in qualche modo la "finestra" del segnale in ingresso al rx, come si faceva una volta insomma.....la radio si evolve ma nessuno può dire che riusciremo a sentire un segnale che con una vecchia radio a punto non sentiamo....forse lo sentiremo MEGLIO spendendo MENO rispetto adun tempo, dove un top di gamma comunque aveva un costo da auto utilitaria!
Ad oggi un Yaesu FTdx 101 che non arriva a 4000 euro e costa un terzo del top di ghamma ICOM tradizionale 7851....sulla carta (di sherwood) lo surclassa....fine delle considerazioni! (73)
... 73 ...
Libero pensatore (e fors' anche radioamatore).
https://www.youtube.com/watch?v=F-8RItOZE30
Avatar utente
Filippo IZ5MJQ
Fondatore della ruota
 
Messaggi: 7126
Iscritto il: 22/10/2008, 14:04
Località: Lucca, JN53fu

Re: Elecraft ACCUSA IL COLPO! Si difenderà col K4!

Messaggiodi IK0TIX » 19/05/2019, 9:25

Filippo IZ5MJQ ha scritto:Ad oggi un Yaesu FTdx 101 che non arriva a 4000 euro e costa un terzo del top di ghamma ICOM tradizionale 7851....sulla carta (di sherwood) lo surclassa....fine delle considerazioni! (73)


sono iscritto al gruppo 7610.io è ho posto una domanda esplicita a Bob: "hai messo l'ftdx101d primo nella tua classifica, ci dai più info a riguardo? Che facciamo vendiamo il 7610 e prendiamo un 101?"
Alla domanda non solo non è giunta risposta (e questo ce lo aspettavamo) ma il mio post non è stato neanche pubblicato!!!
Forse la domanda è stata troppo diretta ma da sempre le liste di Sherwood creano disagio da tutti i punti di vista.
Ritengo le sue classifiche un buon punto di partenza ma la storia recente ha dimostrato che sono solo una parte delle reali considerazione da farsi.
Sarei molto cauto, nell'atto pratico, a prenderle come oro colato. 3000 Vs 7600 insegna.
La vera stonatura è il 101 sopra tutti gli altri ma non mi sorprenderebbe se all'uscita del K4 quest'ultimo si ritrovasse primo.
Vi posso assicurare che al di là di tutte le buone intenzioni dei loro redattori questi test sono sempre un po' di parte. Come pretendere che un giornalista sia del tutto apartitico nelle sue interviste e nella scrittura dei propri articoli. Tutto parte dalla base di un proprio credo.
Vedremo come finirà.

Per quanto riguarda poi i vari "cassoni" ho già espresso una mia opinione a riguardo: oggi non ha più senso comprarne uno. Tutti sappiamo che lo sviluppo della tecnologia porta ad una miniaturizzazione delle componentistica figlia di quella "semplificazione" a cui te accenni.
Max IK0TIX
Avatar utente
IK0TIX
Operatore interessato
 
Messaggi: 96
Iscritto il: 15/10/2018, 15:28

Re: Elecraft ACCUSA IL COLPO! Si difenderà col K4!

Messaggiodi Filippo IZ5MJQ » 21/05/2019, 22:06

Come vuoi che finisca....quando proverà il K4, l' elecraft andrà al top al posto di Yaesu...provare per credere! (73)
... 73 ...
Libero pensatore (e fors' anche radioamatore).
https://www.youtube.com/watch?v=F-8RItOZE30
Avatar utente
Filippo IZ5MJQ
Fondatore della ruota
 
Messaggi: 7126
Iscritto il: 22/10/2008, 14:04
Località: Lucca, JN53fu


Torna a Apparecchi Radioamatoriali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron