Il mio dipolo nuovo

L' istallazione, la modifica, l' autocostruzione e la trasformazione di antenne e degli accessori (bal-un, e un-un) sono forse la parte più affascinante e semplice....

Moderatori: Giovanni IZ5RMW - SK, 1PNP548

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi Davide IZ2UUF » 09/04/2011, 13:38

1PNP548 ha scritto:- sul discorso della differenza tra una antenna risonante e una non risonante, chiariamo subito che io intendo non risuonante una antenna con ros superiore a 3, ovvio che una antenna che mi da un valore a 2 è leggermente starata ma ahimè è già un lusso, quindi se il rendimento massimo di un qualsiasi aereo su una certa frequenza si ottiene quando le dimensioni dello stesso aereo permettono di essere esattamente risonanti, più l'antenna si discosta dalla frequenza tipo più il rendimento cala, quindi una antenna risonante è meglio di una non risonante, altrimenti useremmo tutte antenne lunghe X senza farci troppi problemi, ahimè non è così.
- per quanto riguarda l'uso dell'accordatore in stazione, beh se devi abbassare i ros da 3 a 1 è differente che abbassarli da 1:5 a 1:1, ti mangi un sacco di potenza irradiata, e inoltre, con l'AT in stazione non accordi ma semplicemente adatti la linea (quindi coassiale + antenna), il che induce ad una potenza effettiva in antenna molto diminuita, causa RF sul coassiale con eventuali spiacevoli inconvenienti. discorso differente se usi un accordatore sul tetto alla base dell'antenna, in questo caso diventa parte dell'antenna stessa accordandola effettivamente.
- attenzione poi che in HF, soprattutto poi sulle bande passe, le perdite del coassiale sono irrisorie, sie esso un RG58, quindi è un problema a mio avviso superficiale


Ciao Fabio.

Grazie ancora della tua pazienza, finché non mi si è schiarito tutto non sono contento.
Io credo di aver capito che il tuo discorso si basa su un punto di base, che è: antenna risonante => ROS basso => alto rendimento.
Di conseguenza, ROS alto => basso rendimento.
Il resto è tutto incentrato su questo punto, compreso il fatto che il dipolo sugli 80 funziona bene su una parte di frequenza e male sull'altra per via del ROS. E tutti i conti tornano.

Però confesso che sono un po' confuso.
Il rendimento di un sistema linea+antenna è il rapporto tra la potenza immessa e la potenza effettivamente trasmessa nell'etere.

Scarso rendimento significa che l'energia che esce dal trasmettitore, invece che essere trasmessa nell'etere, viene dissipata.
L'unico modo rilevante in cui l'energia viene dissipata in un sistema radio-antenna è in calore (non vi sono trasformazioni chimiche, atomiche nè emissione di fotoni).
E' lapalissiano ma vale quindi sottolineare che tutta l'energia che non viene dissipata, viene irradiata, dato che non può certo sparire nel nulla.

Una antenna non risonante presenta oltre ad una resistenza, una reattanza che un'antenna risonante ha nulla. Come tutti sanno però, la reattanza non dissipa energia, la accumula: quindi non può essere chiamata in causa per il rendimento.
D'altro canto se saldo una resistenza da 50Ohm alla fine del coassiale ottengo un'antenna perfettamente risonante avendo reattanza nulla, eppure non trasmette nulla ma dissipa tutto in calore.

Ora il buon libro dell'esame degli OM mi ha spiegato che il ROS è una misura conseguente al disadattamento di impedenza tra l'ingresso e l'uscita del ROSmetro.
Mi ha insegnato che il ROS alto è male perché rompe la radio e provoca perdite energetiche.

Allora ho approfondito. I finali si rompono non perché le onde riflesse tornano indietro arrabbiate e li scassano :-), ma perché con un'impedenza sbagliata si portano a lavorare i transistor con tensioni fuori specifiche e si guastano. Ok, l'accordatore risolve il problema perché fa da trasformatore d'impedenza.
A questo punto rimangono le perdite. Dove sono, perché ci sono e a quanto ammontano? Allora anche qui ho indagato. Le perdite possono essere imputate all'accordatore, alla linea e all'antenna. In tutti i casi sono misurabili e un sacco di OM e associazioni varie le hanno misurate; io purtroppo no, non ne ho i mezzi.
Per l'accordatore ho cercato e ho trovato un'enormità di calcoli, esperimenti e misure. Qualche dB se va lì, non so quanto di specifico nel mio accordatore, ma sembra ritenuto unanimemente accettabile.
Per l'antenna, i testi spiegano che in un conduttore perfetto nello spazio vuoto la perdita sarebbe sempre nulla, mentre nella realtà si ha una perdita per riscaldamento significativa quando l'antenna è molto corta rispetto alla lunghezza d'onda. In nessun caso ho trovato una relazione tra la non-risonanza e il fatto che l'antenna dissipi più o meno energia in calore; ed è anche sensato dato che la non-risonanza porta ad una reattanza, che come è noto, non dissipa energia.
Rimane la linea, che è l'imputata numero 1. Ci sono un'enormità di misure sulla perdita della linea, che non considerano solo lunghezza del cavo e frequenza, ma anche il disadattamento. Sembra che il coassiale fatto lavorare con tensioni/correnti fuori impedenza caratteristica abbia delle enormi perdite in calore, mentre la open-wire quasi nessuna (frazioni di dB).

Qui viene l'origine della mia confusione a leggere il tuo post:
- l'energia esce dalla radio;
- entra nell'accordatore che ne dissipa un po'. Quanta? Poca, a leggere le misure che si trovano in giro.
- esce dall'accordatore ed entra nella linea, che ne dissipa ancora un po'. Quanta? Tanta con il coassiale, ma io ho la open-wire che ne dissipa pochissima, sempre usando i numeri dei libri.
- quindi entra nell'antenna, che dato che è molto lunga, dovrebbe dissipare pochissima energia in calore.

Ora, quello che non capisco è: se questa tipologia di antenna (dipolo random+open wire+accordatore) ha uno scarso rendimento come tu mi spieghi, dove va a finire l'energia?
Sono i libri che danno delle misure errate ed in realtà ne viene dissipata molto di più? Da chi? Il mio accordatore rimane freddo, come lo spiego?

Capisco che i lobi storti portino a trasmettere nelle direzioni sbagliate rendendo l'antenna meno utile e con meno guadagno, ma scarso rendimento significa l'energia non viene trasmessa.
Dove va a finire?

Perdonami se sono confuso e grazie per la pazienza e per l'aiuto
Davide.
IZ2UUF - Davide - JN45nk
Avatar utente
Davide IZ2UUF
Operatore Anziano
 
Messaggi: 1242
Iscritto il: 09/01/2011, 13:26
Località: Cesano Boscone (MI)

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi Stefano » 09/04/2011, 13:58

Alla fine dei conti dite tutti più o meno le stesse cose :P
Quando si usa un'antenna fuori dalla propria banda, il coassiale/scaletta fa il lavoro di adattare l'impedenza e l'accordatore termina tale lavoro come se fosse una sintonia fine.

Il vantaggio della scaletta sta nell'adattare anche le impedenze più sfasate. Quella di Davide, spaziata 9 cm, sarà più di 600 ohm. Mentre gli accordatori automatici (e non) del 50% degli operatori si piegano di fronte a impedenze elevate, quello di Davide accorderà la sua filare dappertutto.
Le perdite, alla resa dei conti, sono uguali per tutti ma alcuni non avranno nemmeno la chance di parlare di perdite perché la loro antenna non si accorderà mentre questa versione sì.
Tra i vari compromessi che si potessero scegliere mi sembra che sia il meno peggio, o meglio il più "ragionevole" per fare tutto.
Forse avrei cercato di avvicinarmi un po' alle misure di una G5RV proprio per evitare di accordare, dove possibile. 8-)
IZ1OQU - JN44ph - prov. Genova
Mai uscire senza 1 metro di RG213, belin! - 1RA007
redattore http://www.sotaliguria.COM
Avatar utente
Stefano
Operatore Anziano
 
Messaggi: 1142
Iscritto il: 29/10/2008, 20:05
Località: Dark Flame Tower Dungeon

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi 1PNP548 » 09/04/2011, 14:26

ciao davide,
non sono un grande oratore quindi forse non mi spiego bene,
non ho detto che ros basso = rendimento alto, e mai lo dirò, sto dicendo che antenna risonante = massimo rendimento, ros 1:1 è sinonimo di antenna risonante, non si deve mai confondere il termine ros nullo = rendimento, perchè altrimenti un carico fittizio è l'antenna con il massimo rendimento, e in commercio di antenne /carico fittizio ce ne sono parecchie.
per rendimento non intendo fare il DX perchè ti ho dimostrato che con una mantova marcia accordata puoi fare il DX del secolo (grazie a santa progagazione), dico semplicemente che:
l'accordatore usato per aggiustare da 1:5 a 1:1 è un conto, abbassare da 3:1/20:1 è un'altro!!!! prendi le specifiche di alcuni accordatori commerciali, guarda il range di impedenza, ce ne sono certi (in genere quelli interni agli RTX) che lavorano da 30 a 300ohm, quelli esterni vanno da 30 magari anche a 800ohm, la differenza sta in che cosa ci devi "accordare", anzi scusa, allineare, perchè alla fine, se tra l'accordatore e l'antenna c'è una lunghezza X di coassiale non accordi l'antenna, ma fai risultare al RTX un insieme di componenti che servono per "camuffare" e "imbrogliare" l'impedenza che vuole vedere l'RTX.
al contrario se l'accordatore è alla base dell'antenna funge da trasfromatore della stessa, un po' come si fa con i balun e diavolerie varie
i finali si bruciano perchè i watt che non escono o che rientrano si portano dietro tensione e calore
faccio un esempio stupido, il nostro RTX è come una lampadina da 100watt tenuta da un porta lampada di gomma, se per un qualsiasi motivo oltre ai 100watt della lampadina ne ritornano indietro (magari riflessi) una 50ina, la gomma per quanto sopporterà questa aumento di potenza?


ok, dopo l'esempio stupido, perdonatemi ma mi è stato spiegato così anni fa, passiamo a dire che per considerare il rendimento di una antenna serve anche considerare il lobo d'irradiazione, quindi se una antenna mi dissipa la piena potenza del RTX ma me la dissipa a terra o a 2mt dalla stessa antenna cosa me ne faccio? la potenza deve essere dissipata (irradiata) nell'etere il più lontano e parallelo possibile al suolo, altrimenti viene sparata in cielo o per terra
questa è la sostanziale differenza tra antenne a 1/4 onda, 1/2, 5/8 verticali e direttive etc etc

altra cosa, se una antenna è risonante la lunghezza del cavo coassiale non influenza niente, al contrario, se l'antenna non è risonante il cavo coassiale può diventare parte integrande con ventri sfalsati e cavolate varie.
le perdite dei cavi coassiali sono irrisorie in ambito HF, credimi, invece in VHF e UHF per esperienza diretta ho visto come, semplicemnte cambiando il coassiale, ho ottenuto una maggiorazione dei segnali ricevuti (passaggio da RG58 a BELDEN H155, quindi neanche il massimo)

la bontà di una antenna è giustamente la capacità della stessa di irradiare la massima potenza nell'etere, infatti noterai come il dibattito su quale tipo di adattatore d'impedenza utilizzare è sempre molto vivo, perchè com'è dimostrabile ad esempio non tutti i toroidi sono uguali, la mescola che li compone è differente e in base alle frequenze utilizzate i materiali si comportano in maniera diversa, più un toroide si scalda meno potenza fa passare, e quindi sarà un impianto con scarso rendimento, al contrario se il nostro trasformatore fa passare la potenza invece di trattenerla (scaldandosi) sarà un buon compromesso, si perchè di compromesso sempre si parla.
si parla di compromesso perchè ahimè le antenne fullsize sono un sogno per molti di noi, e rimangono tali perchè è innegabile che una antenna calcolata ha un rendimento superiore ad antenne di lunghezza casuale

il voler a tutti i costi dimostrare con formule e tabelle che qualsiasi accrochio funzioni è lodevole ma si deve premettere che le caratteristiche sono ben diverse, altrimenti tutti gli OM che si dannano per mettere dipoli fullsize, direttive e antenne di grandi dimensioni sarebbero tutti un po' sandroni, perchè non mettere ad esempio una EH? ros nullo, banda passante larghissima, dimensioni ridottissime, che ci sbattiamo a fare allora :D

tornando un attimo al discorso di dove e come viene dissipata l'energia, da ragazzino, avevo 12 anni, con un compare di esperimenti, facemmo un dipolo per la 27, sicuri della nostra ignoranza in materia, lo sperimentammo a casa mia, abitavo al 6° piano, abbiamo steso il dipolo sul tetto ma non avevamo il palo, molto intelligemente il mio amico tenne il centrale del dipolo in mano mentre io andavo in trasmissione, ricordo ancora la scottatura sulle dita!! :wallbash:
la potenza viene dissipata e come, ora se al posto della mano del mio amico Paolo ci fosse stato ad esempio un balun 1:1 si sarebbe scaldato e niente più

riprendo una tua frse:
"Capisco che i lobi storti portino a trasmettere nelle direzioni sbagliate rendendo l'antenna meno utile e con meno guadagno, ma scarso rendimento significa l'energia non viene trasmessa.
Dove va a finire?"

va a finire comunque nell'etere ma viene distribuita in malo modo, con lobi disomogenei e non regolari, senza traiettoria.
ho avuto modo di rendermi conto ad esempio del corretto montaggio di una antenna quando montai la prima volta la windom, bassa, a V invertita, ma i due bracci non paralleli, risultato funzionava ma mi resi conto abbastanza velocemente che in alcune direzioni lavorava meglio che in altra, proprio perchè in pianta non era a 180° ma chiudeva da una parte, quindi, senza avere ahimè a disposizione software per ipotizzare il lobo, mi resi conto che dalla parte che chiudeva l'angolo era più sorda, e molto probabilmente anche più muta :D

non ho le conoscenze tecniche ne ahimè il tempo e la voglia di farmele ste conoscenze per dimostarre in modo teorico quanto dico, purtroppo sono un OM da 4 soldi e dedico il mio tempo a fare DX e Contest (qualc'uno strocerà il naso) ma io mi diverto così, prove le mie esperienze sul campo e sono come san tommaso, non credo quasi mai a quello che mi dicono, provo sulla mia pelle, tant'è vero che posos tranquillamente dire che in 10mt con la mantova guadagnavo almeno 3 punti di sgenale rispetto alla ECO 7+ di adesso, ma sono contento comunque perchè almeno adesso con la 7+ sono operativo su più bande e mi sentono pure :mrgreen:

morale: montate e costruite quello che volete, provate e sperimentate, l'importante è far radio e divertirsi :yahoo:
1PNP548 op.Fabio
SWL I/05636/MI
IZ2QBH
" :o credo di aver preso la vacca per le balle!"
http://www.qrz.com/db/IZ2QBH
http://iz2qbh.jimdo.com
Avatar utente
1PNP548
Moderatore
 
Messaggi: 12413
Iscritto il: 23/10/2008, 13:20
Località: Alta Brianza, JN45OQ

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi aquilabianca IT9BDX cancellato » 09/04/2011, 15:06

Mo sembra sia stato detto tutto..... Almeno nella teoria... Sulla pratica... L'importante e arrivare... E forte...... Eheheheheheh
Personalmente mi sono affezionato ai "filacci"..... ( che non sto qui a specificare di che antenne si tratti...) che dopo aver provato quasi tutte le antenne possibili sono le uniche che mi hanno realmente fatto la differenza.....
Tuttavia come tutto è scuola di pensiero... E d'esperienza.... Personalmente...... Preferisco antenne che risuonino... E senza perdite.... Anzi.... Che sempre e comunque mi guadagnino in positivo almenoi 3-4 Dbd rispetto al isotropico di riferimento.....
Ripeto... La soluzione di Davide e ottimale... Anche se poco diffusa e parecchio anticonvenzionale.... Cosa che mi piace non poco eheheheheheheh..........
In conclusione io seguito dicendo che ogni sperimentazione... E ottima!!!!! Poi Ognuno di noli trae i propri gusti e conclusioni......
Complimenti a tutti!!!!!!! Oi prendete però un'analizzatore... Misurate r...x......xl.....ecc........ E li si inizierà a vedere... La resa..... Poi c'è una cosina da considerare.... Le Tvi...... Una soluzione come questa di Davide..... Suole tranne parecchi.... Con potenze elevate.... Ma alla fine...l'unica cosa che realmente importa e avere ciò che si desidera....
Personalmente non reputo questa la miglior antenna multibanda filare........... Ma sono gusti e opinioni......

Complimenti ancora a Davide per la sua sperimentazione!!!!!!!!! Io..... Preferisco i filacci......... Mamma mia che so strano ahahahahah ;)

Credo tra l altro che in antenne si può parlare in eterno poiché aldilà delle scuole di pensiero esistono miriadi di fattori complici..... Istallazione.... Morfologia della zona ecc.......... Possiamo stare qui a parlare per ore e saturare il database.... Ma quello che piace a me ad altri non piacerà ecc...... Io posso in riassunto dire che la sperimentazione di Davide e validissima.... Alla pari di chi monta antenne come dipoli full Size, windom, zeppelin, ventagli...... E tanto altro..... Ma che sono anni che..... Tutte queste filari sono obsolete....... Seppur ancora valide e diffuse.... Io non mi sento di approfondire oltre non perché non ci sarebbe da dire ma perché come spesso accaduto poi si rischia di sconfinare nel "personale..." che crea solo cose inutili..... Consideriamo solo una cosa..... L'unica cosa.... Far radio....


[ Post made via Mobile Device ] Immagine
aquilabianca IT9BDX cancellato
 

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi Davide IZ2UUF » 09/04/2011, 18:10

Ciao a tutti.

Volevo ringraziare Eli, Stefano, Giorgio, Fabio e gli altri che hanno partecipato a questo thread con tanto impegno.
Grande parte del mio divertimento, oltre alla costruzione meccanica, è data dalla comprensione dei fenomeni che portano a certi risultati.
La teoria funziona sempre. Se non funziona solo rarissimamente essa contiene errori, come capitò ad esempio di rilevare ad Einstein quando contestò il sistema Newtoniano con la teoria della relatività. Di solito siamo noi a non riuscire considerare tutti i fattori in gioco e quindi ad applicare la teoria ad un sottoinsieme errato o insufficiente.
Quando il risultato ottenuto discorda palesemente da quello previsto con l'immaginazione, trovo piacevole e costruttivo indagare perché.
In particolare le radio hanno per me sempre avuto un non so che di magico, perché imbrigliano dei fenomeni che noi non possiamo vedere se non tramite gli effetti che producono.
Il mio tentativo di comprendere la meccanica della radio e riuscire a scomporre il suo funzionamento in fenomeni elementari correlati è il mio modo per vedere con la testa quello che in realtà non si può vedere con nessuno dei nostri sensi.

Il mio obiettivo non è quello di avere una stazione installata definitivamente e fare QSO. Di avere l'antennista che mi monta l'antenna comprata nel negozio non me ne frega nulla.
Io voglio passo dopo passo arrivare a comprendere certi aspetti dei vari fenomeni e quindi a metterli in pratica per vedere se quello che ho immaginato corrisponde a realtà.
Checché se ne dica, il dipolo non risonante è l'oggetto più elementare che si possa costruire perché ha un solo caso di funzionamento che vale per tutte le bande. Se poi non collego il Badonga il 17m, va bene lo stesso.

Prima si fa un grande ragionamento su tutti gli aspetti teorici della questione; quindi si trovano preventivamente una soluzione per ogni singolo problema; poi si pensa "ok, non è la solita cosa che fanno tutti, ma secondo i miei ragionamenti i conti tornano e dovrebbe funzionare"; quindi si collega tutto, si accende e... "ricevuto 5/9"... la soddisfazione è immensa! E' il tuo filo dell'elettricista, sono le tue targhette del fiorista, sono le tue cordine delle veneziane che hanno trasmesso tutto!

Adesso devo cercare i limiti di questa situazione e poi potrò partire a giocare ad analizzarli e risolverli.

Ciaooo

P.S.: non sono ancora riuscito a fare un collaudo in 40m. Possibile che non ci sia un QSO in cui gli interlocutori non facciano passaggi di mezz'ora ciascuno?
P.S.: in 20m ho collegato uno Spagnolo che faceva attivazioni COTA in QRP. Mi ha dato un ID: devo fare qualcosa di speciale tipo confermarlo su un sito o roba del genere?
IZ2UUF - Davide - JN45nk
Avatar utente
Davide IZ2UUF
Operatore Anziano
 
Messaggi: 1242
Iscritto il: 09/01/2011, 13:26
Località: Cesano Boscone (MI)

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi aquilabianca IT9BDX cancellato » 09/04/2011, 18:53

In 40 poi lo si prova assieme tranqui!!!!!!! Comunque ripeto, hai rispolverato una delle antenne primordiali.... Anzi forse la più antica!!!!!!! Poi dipende da ciò che si fa con l'antenna.... Personalmente siccome se mi dicono 59...(oppure stazioni..... Di qui non considero i qrk hihihihihihih). Nun me basta amenoché non siano country ultraterrene...... Ho sempre fatto in un modo.... Antenne nella stazione fissa che reputo massime espressioni della loro tipologia, in passato direttive, oggi solo filari e verticali..... Poi ci sono quelle da test.... Costruite o commerciali che vengono montate e poi smontate solo per testarle, anche lungamente....
Sino a tempo fa la mia soluzione erano un array di dipoli monobanda full Size per tutte le bande con singole discese.... Oggi ho altro.....seppur sempre e solo filari e verticali....
Per la tua soluzione e notevole.... Seppur ripeto a mio personale avviso.... E ormai una cosa.... Un po obsoleta.
La g5rv, la windom, quella vera con la scaletta a 300ohm, la ratirafic, molto simile alla tua ma invece che due braccia ne ha 4 e tantissime altre.... Sono come detto antenne dall'efficienza lodevole ma sono antenne al 99 % superate da altre tipologie.
Sono molto curioso di sapere come approfondirai la sua realizzazione, tienici aggiornati, io personalmente non posso che dirti che la tua realizzazione aldilà della resa pura.... E sicuramente una soddisfazione sia nel aver realizzato un'antenna non convenzionale e diffusa, sia nel voler estremizzarla!!!!
Ancora complimentoni!!!!!!

[ Post made via Mobile Device ] Immagine
aquilabianca IT9BDX cancellato
 

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi 1PNP548 » 09/04/2011, 18:56

beh davide sei sulla giusta strada del divertimento e dell'acquisizione di informazioni, quindi forza continua così ;)

per quanto riguarda i 40mt ahimè ìla banda regina per le 4 chiacchere e i passagi nei QSO sono lunghi :lol:
per il discorso dello spagnolo se tu non partecipa a contest, attivazione etc etc non dare nessun dato

se vuoi in 40mt possiamo tentare di sentirci, siamo un po' vicini ed è anche facile che non ci sentiamo però :roll:
1PNP548 op.Fabio
SWL I/05636/MI
IZ2QBH
" :o credo di aver preso la vacca per le balle!"
http://www.qrz.com/db/IZ2QBH
http://iz2qbh.jimdo.com
Avatar utente
1PNP548
Moderatore
 
Messaggi: 12413
Iscritto il: 23/10/2008, 13:20
Località: Alta Brianza, JN45OQ

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi aquilabianca IT9BDX cancellato » 09/04/2011, 19:03

1PNP548 ha scritto:beh davide sei sulla giusta strada del divertimento e dell'acquisizione di informazioni, quindi forza continua così ;)
:

Quoto riquoto, straquoto strariquoto....

[ Post made via Mobile Device ] Immagine
aquilabianca IT9BDX cancellato
 

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi Davide IZ2UUF » 09/04/2011, 19:14

aquilabianca IT9BDX ha scritto:Comunque ripeto, hai rispolverato una delle antenne primordiali.... Anzi forse la più antica!!!!!!!


Sai Eli, se vuoi viaggiare comodo ti puoi prendere una BMW serie 7 ultimo modello.
Ma se vuoi comprendere intimamente il funzionamento del motore a scoppio è meglio che prendi un vecchio motore FIAT degli anni '60, con le candele le puntine e il carburatore.
Il motore della BMW ultimo modello funziona con gli stessi principi, ma è soverchiato dalla tecnologia migliorativa che affoga i principi di base in una marea di centraline e servocomandi.

Ciaoo
IZ2UUF - Davide - JN45nk
Avatar utente
Davide IZ2UUF
Operatore Anziano
 
Messaggi: 1242
Iscritto il: 09/01/2011, 13:26
Località: Cesano Boscone (MI)

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi claudio pinerolo » 09/04/2011, 19:43

dai Davide dopo tutte queste belle pappardelle sulle antenne sono proprio curioso di sentire come va questa antenna. Quando andrai on air in 40m ho 80m (le altre difficile che ci sentiamo magari sui 10... Milano di solito mi arriva sui 10 ma non tutti) segnalacelo sul mini clauster del forum io stasera e domani lo dedico alla radio quindi spero di sentirti. Purtroppo non ho la comodità del pc su in solaio dove ho la stazione ma quando sono di passaggio qua sotto in casa sbircio sempre la pagina del forum. La mia freq. monitor è 28.485 usb stasera prima di cena c'era il Silvano da Buenos Aires che passa sempre a salutarci quando ci sente in propagazione. L'invito ovviamente è per tutti quelli del forum propagazione permettendo per esempio ieri sera via tropo sempre a 28.485 usb ho parlato per più di mezzora con uno di Roma senza propagazione ionosferica.
1RA023 Radio-Alpha DX Group Op. Claudio - dx1ra023@gmail.com
Avatar utente
claudio pinerolo
Operatore Senior
 
Messaggi: 837
Iscritto il: 31/10/2008, 17:58
Località: Piana del Pinerolese sotto le Valli Olimpiche a 350m s.l.m. 40Km da TO e a 25Km dal confine Francese

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi aquilabianca IT9BDX cancellato » 10/04/2011, 8:29

anche io sono curioso di sentire come va!!!! Per il discorso BMW.... io preferisco un serie 7 per tutti i giorni e l'auto d'epoca per quando mi va eheheheh!
aquilabianca IT9BDX cancellato
 

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi Davide IZ2UUF » 10/04/2011, 14:53

Al quarto tentativo ho collegato 5/9 5R8UI in Madagascar a 28.460 su segnalazione in tagboard.
Considerando che i lobi del mio dipolo diventano più sconvenienti man mano che si sale in frequenza e che i 10m sono la frequenza più alta... direi che mi è andata bene! :-)

CIaoo
IZ2UUF - Davide - JN45nk
Avatar utente
Davide IZ2UUF
Operatore Anziano
 
Messaggi: 1242
Iscritto il: 09/01/2011, 13:26
Località: Cesano Boscone (MI)

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi aquilabianca IT9BDX cancellato » 10/04/2011, 15:08

Ottimo!!!
aquilabianca IT9BDX cancellato
 

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi 1PNP548 » 10/04/2011, 15:47

davide ha scritto:Al quarto tentativo ho collegato 5/9 5R8UI in Madagascar a 28.460 su segnalazione in tagboard.
Considerando che i lobi del mio dipolo diventano più sconvenienti man mano che si sale in frequenza e che i 10m sono la frequenza più alta... direi che mi è andata bene! :-)

CIaoo


ehm..davide sei sicure fosse 5R8UI a 28.460? sul cluster non lo vedo Michele :roll:
1PNP548 op.Fabio
SWL I/05636/MI
IZ2QBH
" :o credo di aver preso la vacca per le balle!"
http://www.qrz.com/db/IZ2QBH
http://iz2qbh.jimdo.com
Avatar utente
1PNP548
Moderatore
 
Messaggi: 12413
Iscritto il: 23/10/2008, 13:20
Località: Alta Brianza, JN45OQ

Re: Il mio dipolo nuovo

Messaggiodi aquilabianca IT9BDX cancellato » 10/04/2011, 15:53

Nemmeno io... ma può essere che non fosse spottato, sinceramente comunque per un'antenna di quel tipo è ottimo come risultato!!!! Io in questi giorni sono off-air... domani spero di poter far un po di radio.... ma nel mentre ascoltavo..... e c'era zd7ft in 12.... che arrivava a petardo... magari prova!!! A me faceva 9+25 sul proII che ho in rx! :o
aquilabianca IT9BDX cancellato
 

PrecedenteProssimo

Torna a ANTENNE OM: acquisto, modifica e autocostruzione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti